Francesco Renga – A un isolato da te Testo e Video

rengaTesto e video ufficiale del nuovo singolo di Francesco Renga – A un isolato da te. Un brano musicale del cantante italiano, il terzo estratto dal sesto album in studio Tempo reale e pubblicato il 29 agosto 2014. Scritto da Roberto Casalino, il brano è stato presentato al Festival di Sanremo 2014,[2] ma viene scartato subito dopo la prima esibizione, dal brano scritto per lui dalla cantautrice Elisa Toffoli Vivendo adesso. Su questo brano Renga ha detto: « Racconta il bisogno assoluto d’amore che da sempre comincia con la consapevolezza del nostro essere umani. Un amore che è possibile trovare e vivere anche guardando con occhi nuovi nelle piccole cose di tutti i giorni. »

Si muove la tenda nella stanza
E non ti sembra ci sia aria.
Ti senti estranea anche stavolta
All’atmosfera natalizia.
Qualcuno che canta per la strada,
Ti sembra una canzone nuova
Eppure se provi a ricantarla
La trovi nella tua memoria.
Hai sentito dire che l’amore
Vive solo a un isolato da te
Come mai non l’hai incontrato prima che
Commettessi il grave errore di credere
Che l’amore vero non esiste
E che tutto intorno a te sia triste.
Piuttosto che essere normale
Hai scelto di essere felice
Nessuno può farti da garante
Ma il rischio non intimorisce.
Ammetti di essere capace di amare
E non lasciarti amare
Perché non riesci a sopportare
Il peso delle mie parole.
Hai sentito dire che l’amore
Vive solo a un isolato da te
Come mai non l’hai incontrato prima che
Commettessi il grave errore di credere
Che l’amore vero non esiste
E che tutto intorno a te sia triste
Perché la ragione non ammette
Obiezioni a quello che non vede
Anche se non sai cosa ti manca
Puoi sentirne forte la mancanza.
Hai sentito dire che l’amore
Vive solo a un isolato da te
Come mai non l’hai incontrato prima che
Commettessi il grave errore di credere
Che l’amore vero non esiste
Guardati allo specchio,
Non sei più triste.

Francesco Renga – A un isolato da te Testo e Videoultima modifica: 2014-12-10T12:27:04+00:00da save988
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento