Bobo Vieri da papà sono stanco e non dormo più di notte

vieriBobo Vieri con l’arrivo della piccola ha messo la testa a posto e accantonate per il momento feste e serate tra vip si dedica al faticoso mestiere di genitore. Se prima infatti al sonno preferiva il divertimento, ora a dettare i suoi ritmi è la nuova arrivata: “Non dormo più di notte ormai cambio solo pannolini”. Dal giorno in cui è nata Stella, lui è “distrutto”: “Sono vecchio, sono diventato una leggenda adesso – ha spiegato al “Corriere della Sera” durante i Gazzetta Awards a Milano – Sono stanco perché non dormo, sono distrutto. Non dormo, ma sono tranquillo, beato, cambio i pannolini”. Lui e la mamma della piccola, Costanza, mancheranno certo di sonno, ma la presenza di Stella ha cambiato la vita di Vieri: “E’ fantastico, la cosa più bella del mondo”. “Questo è il trasloco più lungo della storia dei traslochi”, confessa sui social Christian Vieri mentre svuota la sua “vecchia” casa. Per Vieri e le sue donne, Costanza Caracciolo e la piccola Stella, è pronto un nuovo nido d’amore a Milano. E mentre papà Bobo solleva scatoloni, la neo mamma si racconta sui social. E’ stanca, ma non si nega ai follower curiosi di sapere come procede la sua nuova vita da mamma. Nonostante il trasloco in corso e tanto sonno arretrato per le poppate notturne, Costanza tranquillizza tutti, “Stiamo molto beneee. Grazie”. E a chi le chiede qualche dettaglio sul parto, svela: “Doveva essere naturale, ma dopo due giorni e mezzo d’induzione alla fine abbiamo fatto il cesareo”. Quanti chili ha messo in gravidanza e quanti ne ha già persi? “Ne ho messi dieci e non so ancora quanti ne ho persi!”, risponde senza problemi. E mentre sottolinea che 24 ore non bastano per affrontare le giornate, rivela che al suo fianco ad aiutarla con la bambina ci sono due nonne meravigliose. Così come lo è papà Bobo, in queste ore impegnato a caricare passeggini sul camion.

Bobo Vieri da papà sono stanco e non dormo più di notteultima modifica: 2018-12-07T08:49:18+01:00da save1098
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento