Barbara D’Urso piange mentre intervista la sorella Eleonora a Domenica Live

d'ursoNel suo salotto domenicale Barbara D’Urso ha avuto un’ospite molto particolare per lei, la sorella Eleonora. Anche lei ha lavorato in tv, poi in teatro. L’intervista è corredata, come sempre in trasmissione, da immagini e video di famiglia. Barbara D’Urso sottolinea che le è stato vietato vedere i video prima della messa in onda e guardandoli in studio si commuove. «Io e Eleonora siamo figlie dello stesso padre ma di due mamme diverse. Ci chiamiamo Ciku tra noi, abbiamo un fratello in Giappone e da quel momento ci chiamiamo così. Ci eravamo allontanate per un periodo, poi ci siamo ritrovate». Dopo un collegamento, entra in studio la madre di Eleonora, Wanda, che porta due peluche a Barbara ed Eleonora e legge un testo in versi che ha scritto su Barbara D’Urso e l’incontro tra le due sorelle. Si parla poi di amore. Durante l’alluvione a Genova, Eleonora D’Urso ha conosciuto Michele, ingegnere, che come volontario è andato a liberare dal fango il teatro dove lei stava recitando.
«È stato amore a prima vista – racconta Eleonora – io ero impegnata, ho fatto le cose come andavano fatte. Dopo nove mesi di relazione Michele mi ha chiesto di sposarlo ed è a lui che devo la mia rinascita». Era il 2016.«Al matrimonio – aggiunge Barbara D’Urso – è arrivata in chiesa e si è accorta di aver dimenticato il bouquet a dieci chilometri di distanza, in hotel, eravamo tutti lì per lei, siamo andati a recuperarlo».
Poi, la lezione: «Ho incontrato mio marito quando avevo 39 anni, non bisogna mai smettere di sognare – dice Eleonora – Ogni giorno può essere quello giusto. Lui mi ha insegnato che nessuno si salva da solo. Ci uniscono amore e creatività, è anche un musicista». La sorpresa è che ora Eleonora D’Urso recita nella fiction “La Dottoressa Giò” insieme alla sorella e che la si vedrà in tv, protagonista di una puntata.

Barbara D’Urso piange mentre intervista la sorella Eleonora a Domenica Liveultima modifica: 2019-01-22T09:31:47+01:00da save1098
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento